IC MARCO POLO

Patto di Corresponsabilità

Print Friendly, PDF & Email

PATTO DI CORRESPONSABILITA’.
DIRITTI E DOVERI DI ALUNNI, DOCENTI, GENITORI.
Il comma 1 dell’Art. 3 del D.P.R. 235/2007 dispone che ogni istituzione scolastica richieda all’atto
dell’iscrizione “la sottoscrizione da parte dei genitori e degli studenti di un Patto educativo di
corresponsabilità, finalizzato a definire in maniera dettagliata e condivisa diritti e doveri nel
rapporto tra istituzione scolastica autonoma, studenti e famiglie.”
Il patto di corresponsabilità costituisce la dichiarazione dei diritti e dei doveri nella scuola,
coinvolge consigli d’intersezione, consigli d’interclasse, consigli di classe, insegnanti, genitori,
alunni, enti ed esperti esterni che collaborano con la scuola, impegna i docenti, gli alunni, i genitori
TERMINI DEL PATTO DI CORRESPONSABILITA’
I DOCENTI al fine di garantire itinerari di apprendimento che siano di effettiva soddisfazione
del diritto allo studio si impegnano, nei confronti degli alunni, a:
creare un ambiente educativo sereno;
rispettare i tempi ed i ritmi dell’apprendimento;
essere puntuali alle lezioni, precisi nelle consegne e negli adempimenti previsti dalla scuola;
non usare il cellulare in classe;
rispettare gli alunni, le famiglie e il personale della scuola;
informare i genitori del proprio intervento educativo e del livello di apprendimento dell’alunno in
occasione dei momenti di colloquio previsti e, in casi particolari, attraverso comunicazioni o
convocazioni specifiche;
correggere e consegnare i compiti entro 15 giorni e, comunque, prima della prova successiva;
realizzare un clima scolastico positivo fondato sul dialogo e sul rispetto;
lavorare in modo collegiale con i colleghi;
prevedere attività di recupero e potenziamento il più possibile personalizzate.
GLI ALUNNI al fine di promuovere la preparazione ad assolvere ai propri compiti sociali si
impegnano, nei confronti dei docenti e dei compagni, a:
essere collaborativi con compagni ed insegnanti;
prendere coscienza dei personali diritti-doveri;
rispettare persone, ambienti, attrezzature;
usare un linguaggio consono ad un ambiente educativo nei confronti dei docenti, dei compagni, del
personale ausiliario;
adottare un comportamento corretto ed adeguato alle diverse situazioni;
accettare le punizioni assegnate in conseguenza di comportamenti scorretti;
svolgere con puntualità i compiti richiesti;
accettare, rispettare, aiutare gli altri ed i diversi da sé, comprendendo le ragioni dei loro
comportamenti;
essere puntuali alle lezioni e frequentarle con regolarità;
non usare il cellulare a scuola (per comunicazioni urgenti è disponibile il telefono della segreteria);
lasciare l’aula solo se autorizzato dal docente;
intervenire durante le lezioni in modo ordinato e pertinente.
I GENITORI per una proficua collaborazione scuola-famiglia si impegnano a garantire:
la partecipazione agli incontri periodici scuola-famiglia;
atteggiamenti di reciproca collaborazione con i docenti volti alla condivisione di valori educativi;
il rispetto delle scelte didattiche ed educative condivise, ivi comprese le punizioni assegnate per
comportamenti scorretti;il rispetto dell’istituzione scolastica, anche attraverso la cura dell’igiene del proprio figlio e ad un
abbigliamento, del medesimo figlio, decoroso e adatto all’ambiente scolastico;
atteggiamenti di rispetto, di collaborazione, di solidarietà, da parte dei propri figli, nei confronti
dell’ “altro”;
il rispetto dell’orario d’entrata e d’uscita;
la frequenza assidua alle lezioni;
la puntuale giustificazione delle assenze con l’apposito libretto;
il controllo quotidiano del materiale scolastico necessario;
il controllo dello svolgimento dei compiti assegnati;
il tenersi costantemente informati sull’andamento didattico e comportamentale del proprio figlio;
in caso di assenze provvedere al recupero delle attività svolte in classe;
controllare e controfirmare le comunicazioni scuola-famiglia;
conoscere il regolamento di istituto relativo al comportamento degli alunni (allegato al presente
documento);
risarcire i danni arrecati ad arredi, locali, materiale scolastico, per atti di vandalismo;
segnalare alla scuola eventuali problemi di salute del figlio al fine di favorire, all’occorrenza,
interventi tempestivi ed efficaci;
essere puntuali negli adempimenti burocratici richiesti dalla scuola;
fare conoscere e rendere consapevole il proprio figlio del presente atto di corresponsabilità.